ABBINAMENTO CIBO VINO: LE REGOLE SONO IMPORTANTI, MA ANCHE LE EMOZIONI!

Il web è pieno di spunti per il corretto abbinamento tra il nettare di Bacco e specialità culinarie di ogni genere: l’armonia che scaturisce dal giusto contrasto tra le sensazioni gustative delle pietanze e del vino fa sognare anche chi di vino o cucina non se ne intende, ma siamo proprio sicuri che le soddisfazioni maggiori arrivino sempre dall’abbinamento tecnicamente perfetto?

Ormai molti di noi sanno che con i cibi salati si utilizza l’abbinamento per contrapposizione, con i dessert il metodo della concordanza: cercheremo quindi di bilanciare la sapidità di un formaggio particolarmente stagionato con la dolcezza di un vino dolce passito  e proveremo ad accompagnare i sapori e gli aromi delicati di una torta alla crema pasticciera con un profumato Moscato d’Asti. Bene, tutti promossi in Teoria e Pratica dell’Abbinamento Cibo-Vino!

turismo-enogastronomico-tour-percorso-itinerario-week-end-weekend-viaggi-percorsi-enogastronomici-evento-degustazione-vini-degustazioni-vino-lago-di-garda-eventi-visita-cantine-vigneti-tiramisù-passito

A volte, però, a noi viene voglia di stravolgere un po’ i canoni di quest’arte quasi matematica, soprattuto quando siamo in viaggio. In vacanza, durante un weekend fuori porta o, perché no, in caso di viaggio di lavoro, le occasioni di gustare nuovi cibi e vini inediti non mancano. Si tratta di occasioni particolari, perché si nutrono anche del fascino di un contesto che non è quello della nostra routine, di un particolare momento dell’anno e di particolari emozioni, magari legate alla compagnia che con noi condivide il viaggio.

In Italia, ogni regione, ogni città, ogni borgo nasconde un prodotto tipico o una ricetta dimenticata: perché non lasciarsi allora guidare dall’abbinamento per tradizione, frutto di combinazioni che vengono tramandate di generazione in generazione, come le costolette d’agnello a scottadito ed il Frascati Superiore in Lazio o il coniglio alla ligure ed il Rossese di Dolceacqua in Liguria.

turismo-enogastronomico-tour-percorso-itinerario-week-end-weekend-viaggi-percorsi-enogastronomici-evento-degustazione-vini-degustazioni-vino-lago-di-garda-eventi-visita-cantine-vigneti-cocktail-in-inverno

Con le piogge e le nebbie autunnali, o la neve d’inverno siamo naturalmente portati a consumare cibi più ricchi di grassi, elaborati e strutturati, che andremo naturalmente ad abbinare a vini molto spesso rossi, che ci regaleranno calde sensazioni grazie al loro corpo e magari un invecchiamento in barrique. Le temperature miti della primavera ci regalano tante primizie, l’estate ci accompagna con primi piatti leggeri o con il pesce da gustare freschissimo nella nostra località marittima preferita ed il vino diventa bianco o giovane e con una delicata componente alcolica. Il nettare di Bacco si adatta naturalmente all’alternarsi della stagioni, in quello che viene definito abbinamento stagionale.

Per gli sperimentatori come noi, poi, grande soddisfazione può dare l’abbinamento psicologico, che si basa sulla particolare situazione nella quale si deve proporre o ordinare un vino: occasioni speciali, legate a significativi momenti della vita o a particolari emozioni, ci posso far apprezzare determinati vini piuttosto che altri. Quale vino può portare con sé più emozioni di quel calice che ci ha accompagnati durante il primo appuntamento con la persona che amiamo?

turismo-enogastronomico-tour-percorso-itinerario-week-end-weekend-viaggi-percorsi-enogastronomici-evento-degustazione-vini-degustazioni-vino-lago-di-garda-eventi-visita-cantine-vigneti-cena-per-due

Quindi: semplici buongustai, attenti degustatori e curiosi viaggiatori, non dimentichiamo mai che il vino è innanzitutto emozione e che la passione per esso va al di là di ogni tecnicismo o teoria. Ognuno di noi può pertanto trovare il proprio abbinamento del cuore, l’importante è avere la voglia di sperimentare, sempre.

Ora, ce lo dite qual è il vostro abbinamento preferito?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *